Il Pazzo fa impazzire il Palermo…

Pazzini meraviglia tutti con un esordio bomba, portando la sua Inter alla vittoria contro un buon Palermo, che si porta sul 0-2 in poco più di mezz’ora. Al rientro in campo, dopo l’intervallo, la squadra di Leonardo si sveglia rimontando sino al 3-2 , grazie a una doppietta di Pazzini e a un rigore di Eto’o.

Il primo tempo vede un Inter diversa dal solito, con l’inserimento di Coutihno dietro le punte e Santon a sinistra al posto di Chivu. Ma nonostante questi inserimenti la squadra di Leonardo è addormentata, in balia di un Palermo arrembante.

Su un errore di Santon, Miccoli approfitta e segna il primo goal in poco meno di 10 minuti. Il secondo goal del Palermo si presenta dopo 20 minuti, dove Nocerino supera con freddezza Maicon e insacca il 0-2. L’Inter sentendosi minacciata prova a reagine ma l’unica cosa che si crea è un’azione da goal che porta Pastore a sfiorare il terzo goal per la squadra rosanera.

Nel secondo tempo, la squadra di Leonardo cambia volto con l’inserimento dei due neo-acquisti Pazzini e Karjhia. In 11 minuti la squadra neroazzurra crea una pallagoal per l’ex-doriano, che con tranquillità insacca il primo goal della rimonta. A stroncare la rimonta dell’Inter si pone un rigore, nato dall’ingenuo fallo di Motta su Kasami. Sul dischetto si porta Pastore, ma un imponente Julio Cesar para il tiro dagli undici metri. Ora la partita è in pugno ad un Inter dilagante.

Fino al 28 del secondo tempo il risultato rimane invariato, se non fosse per una punizione battuta da Maicon, che calcia in area trovando la testa del Pazzo che incorna portando al pareggio la squadra neroazzurra. Sempre dai piedi del Pazzo nasce il terzo goal. Il numero 7 dell’Inter viene atterrato in area da Munoz e l’arbitro assegna il rigore, dove Eto’o non sbaglia e segna il 3-2.

Nel finale il Palermo non si arrende, ma a fermare le loro aspirazioni per il pareggio è un bravo ma anche fortunato Julio Cesar, che respinge un tiro a colpo sicuro di Balzaretti.

Commenti

commenti