La foto di Maria nel portafoglio

Stanotte ho fatto un sogno. Forse perchè in occasione del giorno dei defunti, ho scritto una nota su due ragazzi scomparsi prematuramente.

Mi è suonato come un rimprovero… urge riparare alla mancanza.Voglio ricordare in questo giorno particolare, anche se in ritardo, una persona che ha fatto parte della mia vita per qualche tempo. Non eravamo esattamente amiche, direi più che altro conoscenti.

Ma ci vedevamo spesso.

Lei era la proprietaria della videoteca che frequentavo tempo fa, ci passavo tutti i giorni. In particolar modo quando i miei figli erano ancora piccoli, per affittare film e cartoni animati. (io e i miei figli condividiamo la passione per la fantascienza). Ne approfittavo sempre per fare due chiacchiere con lei, che aveva gli stessi gusti in fatto di cinema.

Argomento del quale sapeva tutto… addirittura, quando non potevo uscire perchè magari i miei bimbi erano influenzati, o io mi sentivo poco bene, mi portava a casa  personalmente i film richiesti.

Bellissima ragazza: capelli ricci e lunghi, occhi scuri e un’allegria perenne che contagiava chiunque entrava nel suo negozio.

Si chiamava Maria e stanotte l’ho sognata.

Lei è morta all’età di 36 anni, per un cancro che l’ha divorata nel giro di 3-4 mesi. Di lei tengo una foto nel portafoglio, insieme a quella di papà e del mio amico  Giuseppe, del quale parlerò in altra occasione.

Suo marito è ancora lì, la videoteca è gestita da lui ora… ma non si è mai ripreso da quel dolore… sopravvive…

Ormai non ci passo quasi più, non è la stessa cosa…  senza Maria.

Commenti

commenti