Excalibur: favolosa epica cavalleresca di celluloide

La leggenda di Re Artù e dei Cavalieri della Tavola Rotonda, deve la sua più grandiosa rappresentazione cinematografica a questa versione di John Boorman (1981).

Tutti gli elementi del classico “La morte Darthur” sono qui delineati: Artù che estrae la spada di Excalibur dalla roccia; la nobile nascita di Camelot e della Tavola Rotonda, ed il loro tragico declino; il tentativo eroico di ritrovare il Sacro Graal ed il mutevole equilibrio di potere tra l’astuto Merlino e la perfida Morgana.

Con un cast importante e credibile, Excalibur regala un appassionante intreccio di fantastiche avventure.

Spettacolare ed epica pellicola che attinge al ciclo delle leggende medievali bretoni, in particolare al romanzo cavalleresco La morte Darthur (Storia di Artù e dei suoi cavalieri, 1469-85) di Sir Thomas Malory.

Sorretto da una notevole sceneggiatura e da una fotografia maestosa e d’impatto, è ritenuto il migliore film del genere della seconda metà del ‘900.

Le scene in esterni sono state girate nelle terre libere d’Irlanda.

Il sostegno musicale è opera di Trevor Jones, già noto ed esperto compositore hollywoodiano (L’ultimo dei Mohicani, La vera storia di Jack lo squartatore), qui alla sua prima opera, con emozionanti canti corali medievali e citazioni di Wagner e Orff (di quest’ultimo il movimento “O Fortuna” del Carmina Burana -dei Trionfi-, diverrà famoso alle masse, un “must”).

Nel cast figurano diversi attori, oggi star, all’epoca non ancora famosi, come Helen Mirren, Gabriel Byrne, Liam Neeson e Patrick Stewart.

L’epica cavalleresca non tramonta mai, con i suoi alti valori e le sue vicende avventurose ed appassionanti!

Commenti

commenti